Tu sai cos’è il profumo della nostalgia
lo sai nell’ora incerta
in cui la luce cede al velluto l’evidenza,
alla forza del sogno la realtà.
Tu sai che le pietre ricordano,
conosci il profumo della carta,
il sottile erotismo delle parole,
ascolti l’inquietudine del giorno.
E se compi,
il gesto netto del direttore d’orchestra,
dell’inchiostro che decide,
del pensiero che s’arresta,
la musica continua,
la pagina attende.
Tu tornerai come credi
perché tu sei
e t’attendo.

Annunci